Ho trovato una nuova droga, lo ammetto. La mia povera persona ha scoperto i drama asiatici e non posso, non ho proprio potuto tirarmi indietro. Sono così... perfetti, giusti, disagianti, divertenti.  E ne ho guardati il più possibile, con la ovvia consapevolezza che non finirà mai qui, ma che la mia passione continuerà finché essi verranno prodotti.  Ecco qui un primo piccolo riassunto di quello che mi è capitato di guardare, nella speranza che possa servire a qualcun'altro - oltre che alla mia imbarazzante memoria -. 

Io vivrò la mia vita, non so cosa mi riserva il futuro, giorni belli e brutti, ma vivrò, io vivrò, io vivrò, con passione, con la tenacia che ho imparato da te, giuro che vivrò. E quando ci rivedremo, perché so che ci rivedremo, finalmente, ecco quello che ti dirò: adesso so cosa significa “Ti amo”.

È tra la fine di Giunio e l'inizio di Luglio che la Gang del bosco - così ho iniziato a chiamare i miei amici da qualche tempo - ha deciso che fosse indispensabile guardare Fullmetal Alchemist.  Nonostante io non sia un'amante del genere, mi sono detta che no, questa volta non sarei stata tagliata fuori. [ Spoiler alert ]