Serata di follia.

La guarda di sottecchi, forse sperando che anche lei alzi lo sguardo verso di lui, ma non accade. Rimane così a guardare quel suo volto, a perdersi in quella fossetta incastonata nella guancia come un gioiello, in quella ciocca di capelli che le ricade ribelle sul volto e in quel suo mezzo sorriso. Non sa se sia lui a provocarglielo o se sia spuntato, come la rugiada al mattino sulle foglie, per la battuta che hanno appena sentito.

Fatto sta che, vederla sorridere, fa sorridere anche lui.

 

 

– E allora, quasi come per scommessa con Tolkien, Lewis ha inserito nella storia un semaforo. Sapevi che c’era un semaforo, no? – chiede lei tranquilla, mordicchiandosi un’unghia della mano.

– Sapevo del leone, ma il semaforo mi era sfuggito. –

Logico, si dice lui, che non lo sapesse: non è mai stato un semaforo e mai lo sarà. Vorrebbe dirglielo che è un lampione, vorrebbe spiegarlo a lei che, con tanta arroganza, sorride per avergli raccontato questo aneddoto sbagliato.

Però per questa sera va bene, lasciano che il lampione si trasformi in semaforo ancora per qualche ora, per non spezzare anche quest’ultimo incantesimo.

 

 

– Credevo di averlo visto per strada. – dice lei, fissandolo negli occhi. Non sa perché gli stia parlando della sua cotta, sente solo che deve farlo. Magari è un modo per mettere una fine anche a quel sogno, per dire “ Ho chiuso con te ”, senza aver nemmeno mai aperto.

– E? –

– E il mio cuore è balzato nel petto, salendo fino al cervello, che l’ha ricacciato giù fino alla punta dei piedi. Poi ho capito che non era lui, ma un suo sosia ed è stato così triste. –

La mano del ragazzo si posa presto sulla schiena di lei, accarezzandola, – Ci siamo passati tutti, vedrai che presto lo dimenticherai e il tuo cuore salterà in alto in alto per qualcun’altro. –

– Dici? –

 

Le nuvole rosa si diradano e il cielo prende il colore dell’azzurro stanco, nella speranza di poter presto dare il cambio a quell’oscura coltre notturna.

È lei che guarda di nascosto ora, mentre lui sbadiglia di nuovo: sbadiglia un sacco, si dice, soffocando una risata innocente. Il punto è che è un riflesso incondizionato, il fatto di osservare qualcuno sbadigliare e sbadigliare a propria volta.

Se ne accorge lui che lei ha spalancato le fauci, sospirando. Sorride quindi, ridendo per l’imitazione forzata, senza smettere di pensare al fatto che lei lo stesse osservando di nascosto.

 

 

– È colpa del pizzico di sale. – si pavoneggia lui, mettendo altro impasto nella pentola.

– Stai dicendo che i pancake sono così gialli perché hai dimenticato di mettere il sale? – ride lei, roteando sulla sedia girevole.

– Ho pensato che potessero essere le uova, ma poi era più divertente dire che fosse colpa del sale. –  dice lui alzando le spalle e offrendole un pezzo di pancake, – Sono buoni? –

– Manca un pizzico di sale. –

 

 

– Come pensi che ci sia riuscita, a dimenticare il suo ex così in fretta? – gli occhi di lui si soffermano su lei, che sospira affranta.

– Ho sempre giudicato quel rapporto finto, oppure sai… Superficiale. – dice infine, posando lo sguardo sul cielo lontano, – Tipo quella maglietta che ti piace indossare, ma se un giorno non la trovi più te ne fai una ragione perché magari era scucita.

– Poetica. –

Sorride lei, stropicciando i capelli di lui per un attimo e poi alzando le spalle, – Vengono così. –

 

 

Si fissano fermi davanti alla porta, lui stringendo ancora la vaschetta di gelato ripiena e lei sorridendo di sbieco. Si fissano, con il cuore un po’ più leggero, con la mente svuotata e il morale risollevato. Si fissano infine ricolmi di tutte quelle risate passate, di tutte quelle battute sentite e amate, consapevoli che il tempo è volato e che è ora di separarsi.  

– Quando vuoi lo rifacciamo. –

– Devi solo chiedere. –

 

Sia ℘

Annunci

Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...