Nightmare.

[ 22.08.2016 ]

55ca62bbfcd8129e4546f849aa41a5daRubi la coperta del vostro minuscolo letto e ti rigiri verso la finestra della piccola camera.
La poca luce che illumina la stanza proviene da quel vetro trasparente attraversato dai limpidi raggi di luna piena. Sospiri rannicchiandoti su te stesso, chi l’avrebbe mai detto? Incastrato prima da una carota e ora dal suo predatore numero uno.

Un coniglio, come ti è venuto in mente di metterti in affari con un orecchie lunghe? Loro possono saltare dappertutto con le loro grandi zampe, lei almeno lo fa.
All’inseguimento di un nuovo criminale non le stai quasi dietro, tanto è veloce e agile: ti supera dopo i primi minuti e lo prende con una tale facilità che a volte ti chiedi come faccia, ma infondo la risposta sta nel suo DNA, è biologicamente fatta così, Judy Hopps.

Poi Judy è morbida, non che tu abbia toccato altri conigli nella tua vita, ma lo sai con certezza che lei è la più morbida tra tutti i conigli della terra: sembra fatta di nuvole ed è talmente tanto piacevole appoggiarti a lei durante i turni serali, mentre lei è intenta a bere il suo triplo caffè all’aroma di carota, per fare, come al solito, un ottimo lavoro.
L’agente Hopps è forse un po’ troppo fissato con il suo lavoro e tu lo pensi spesso: com’era quella storia? 201 multe prima di mezzogiorno? A volte vorresti provare a darle un calmante per annullarle le energie per qualche ora e rilassarti, vorresti che se ne stesse ferma accanto a te, come adesso.

La senti respirare piano dietro alla tua schiena: ti figuri la sua scendere e salire lentamente, il suo naso dilatarsi e stringersi per ripetere poi lo stesso movimento. Sembra così calma quando dorme che forse non è davvero lei.
Judy Hopps è la tua carotina, quella ti dorme a fianco ormai da mesi con una grazia mai vista, quella che mette forza nel suo lavoro e nel vostro rapporto e quella che non ti può lasciare tranquillo neanche quando cerchi di prendere sonno.

Ti giri a guardarla, il tuo sorriso si allarga sempre di più prima di notare uno strano movimento delle sue lunghe orrecchie: tremano velocemente e il suo corpo si contorce leggermente. Judy ha gli incubi proporzionati alle volte in cui non addenta una carota, per questo ti senti un attimo spaesato.
La tocchi sulla spalla cercando di confortarla in quel sonno pazzo, ma non ottieni nulla. Provi sussurrararle parole confortanti come faceva tua madre con te, ma lei continua quella strana danza di incubi.
E così, mentre la metà dei vostri corpi sono illuminati dai raggi della luna che si sono intruffolati a spiarvi dalla finestra senza tende, la stringi nella coperta che le avevi appena rubato. L’avvolgi in un caldo volposo abbraccio finché Judy non si calma cullata dai battiti del tuo cuore e tu non ti addormenti scaldato dal suo piccolo corpicino di coniglio.

Annunci

Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...