- Mi sono detto che volevo andare in un posto che sapesse di casa, così sono venuto qui. Volevo… tu mi fai stare bene. Mi fai sempre stare bene. - non sa se a parlare sia stato il gatto o Adrien, fatto sta che le parole escono veloci dalla sua bocca e non riesce a fermarle in tempo. Da quanto aveva voglia di pronunciarle?

La senti respirare piano dietro alla tua schiena: ti figuri la sua scendere e salire lentamente, il suo naso dilatarsi e stringersi per ripetere poi lo stesso movimento. Sembra così calma quando dorme che forse non è davvero lei.