Un piccolo salto a Berlino.

Più per caso che per fortuna, quest’anno mi è capitato di viaggiare ancora una volta per l’Europa e la meta stabilita è stata Berlino. Avevo già più volte fatto tappa in Germania, ma non avevo mai fatto un giro preciso nella capitale tedesca.

Sfortunatamente ho potuto girarla solo per un paio di giorni, proprio per questo motivo non ho potuto visitarla proprio tutta, ma rimane comunque un ottimo ricordo. Inoltre, a discapito della mia comitiva di accompagnatori – che sono stati comunque meravigliosi -, la città mi ha davvero affascinata.


 

Day one:

La prima parte del mio viaggio a Berlino è stata caratterizzata dalla visita e dalla camminata vicino al muro. Sono riuscita a costeggiarlo solo per un piccolo tratto causa della pioggia, ma il ricordo che mi ha lasciato è stato sicuramente profondo e toccante. Non mi era mai capitato effettivamente di vedere così tanti murales in vita mia, sopratutto perché non si trattava solo di arte da strada, ma da una commissione chiesta dalla città per ricordare il simbolo che il muro ha significato in tutti gli anni della guerra. È stato senza altro toccante cominciare la mia visita in un luogo così carico di storia, ma rimarrà nella mia mente come una delle cose più importanti per me. ( Con grande rammarico porto con me solo la foto del Il bacio tra Leonid Il’ič Brežnev ed Erich Honecker.)

20170323_100638[1].jpg

 

Tuttavia, il mio posto preferito, rimane senza alcun dubbio il quartiere degli artisti e in modo particolare Haus Schwarzenberg. L’ho trovato un luogo incantato, un luogo nascosto e pieno di storia da raccontare – in effetti, indagando un poco, quel luogo racconta la vita di  Otto Weidt e contiene anche un piccolo museo di Anna Frank -. Sono riuscita a restare lì giusto il tempo di poter scattare un paio di foto perché la folla delle gite scolastiche premeva per la fretta, ma non scorderò mai come quel luogo mi fosse sembrato famigliare e accogliente.

20170323_114603[1] 20170323_115629[1]20170323_115626[1]20170323_114626[1]20170323_114619[1]

Nel pomeriggio sono riuscita a fare una piccola scappatella anche nell’Pergamon Museum, dove sono riusciti a ricostruire le mura della città di Babilonia ad altezza naturale con alcuni pezzi originali.

 

Day two:

Dopo un piccolo tour per la parte più moderna della città, mi sono fermata presso il monumento alla shoah, eretto sopra la casa della famiglia Goebbels. Immergersi in quelle enormi lastre di pietra è stato come perdersi per un attimo, come se si stesse perdendo coscienza di sè stessi ed è stato pressante non riuscire mai a trovare la fine e vedere come le colonne si innalzassero sempre e sempre di più.

20170324_121059[1]

 

Dopo un pranzo toccata e fuga sono riuscita a raggiungere il Parlamento e l’arco di trionfo. Non tengo molte foto di quei momenti, sono più che altro foto che mi sono state scattate e non ho intenzione di postarle qui insieme a tutti i miei amici. In ogni caso lo spettacolo – non contando tutta la moltitudine di gente che stava passando – era straordinario e sono finita in mezzo anche ad un matrimonio. ( Che poi, sposarsi davanti all’arco di trionfo, quanto può essere figo, eh? )

L’ultima parte del viaggio è stata ripiena di corse e camminate veloci per raggiungere in tempo il museo degli ebrei. Credo fosse stata  una delle parti che più ho bramato di poter girare ed è stato incredibilmente bello, sopratutto perché l’esperienza che ti viene offerta è completamente interattiva.


 

Tirando le fila del discorso, nonostante fosse stato tutto molto veloce e fin troppo sbrigativo, ho adorato girare Berlino con tutto il cuore e spero di poterci tornare in un prossimo futuro – in verità il più presto possibile.

Piccoli tip per una vacanza da sogno quasi come la mia:

  1.  Non importa quanto poco tu possa stare in un posto, portati sempre due paia di scarpe che, se per sbaglio ti capita di portare quella che prima o poi ti diventa scomoda ai piedi, ne hai una di riserva.
  2. Non fidarti essenzialmente delle agenzie, ma cercati un posto carino e con delle recensioni non fasulle. Non si sa mai che tu possa finire in un hotel senza nemmeno la zona ristorante.

 

 

Annunci

3 Comments

·

Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...